RSS

Unicredit: vantaggi e svantaggi esercizio opzione

04 Gen

Unicredit ha approvato l’aumento di capitale tramite offerta di opzione agli azionisti titolari di azioni ordinarie e di risparmio, al prezzo di sottoscrizione di 1,943 euro per azione, nel rapporto di 2 azioni ordinarie di nuova emissione ogni 1 azione ordinaria e/o di risparmio posseduta.

Comporterà l’emissione di un massimo di 3.859.602.938 nuove azioni ordinarie, per un aumento del capitale sociale e un controvalore complessivo pari a 7.499.208.508,53 euro.

I diritti di opzione possono essere esercitati, a pena di decadenza, dal 9 al 27 gennaio 2012.


Il diritto di opzione cosa comporterà per il titolo Unicredit in borsa?

Con l’aumento di azioni in circolazione il prezzo per azione tende a scendere.
Ipotizziamo che il prezzo di mercato scenda a € 3 prima dello scadere dell’opzione il 27 gennaio

diritto di opzione offre 2 azioni a € 1,943 per azione = (1,943 * 2) 3,886 + 3 (prezzo di mercato) = € 6,886
 
Se tutte le opzioni venissero esercitate ci sarà un aumento di capitale di circa 7,5 miliardi di euro e un aumento di 3,8 miliardi di azioni. In circolazione di sono già 1,9 miliardi di azioni
1,9 * € 3 = € 5,7 miliardi  + € 7,5 miliardi = € 13,2 miliardi  (nuova capitallizzazione dal 27 gennaio)
 
1,9 miliardi di azioni + 3,8 miliardi di nuove azioni = 5,7 miliardi di azioni in circolazione dal 27 gennaio
 
€ 13,2 miliardi / 5,7 miliardi = € 2,30  (prezzo per azione dal 27 gennaio)

€ 2,30 (Prezzo teorizzato dopo aumento capitale del 27 gennaio)

“attenzione i valori teorizzati sono abbastanza pessimistici volutamente cosi ipotizziamo casi estremi”


Il diritto di opzione cosa comporterà per i possessori di azioni Unicredit?

Ipotizziamo che il prezzo di mercato scenda a € 3 prima dello scadere dell’opzione il 27 gennaio

offerta di opzione ci da diritto a 2 azioni prezzo per azione € 1,943 per ogni azione in possesso

€ 2,30 (Prezzo teorizzato dopo aumento capitale del 27 gennaio)

Ipotizziamo di avere in portafoglio 800 azioni ad un prezzo medio di € 14 (prima dell’accorpamento era € 1,40)

Qui dobbiamo analizzare due ipotesi:

  • se esercitiamo il diritto di opzione
    sono in possesso di 800 azioni prezzo medio € 14 (tot. € 11.200)
    ho diritto di opzione su 1600 (800 *2) azioni al prezzo  di € 1,943 ad azione per un totale da investire di
    € 3.108,8   (€ 1,943 * 1600)
    esercitando le opzioni totali in mio possesso (1600) avrei 2400 azioni con un prezzo medio di carico di
    € 11.200 + € 3.108,8 =  € 14.308,8 / 2400 = € 5,962     (prezzo medio di carico * 2400)Esercitando l’opzione avremmo dal 27 gennaio 2400 azioni ad un prezzo medio di circa € 5,962
    L’esercizio dell’opzione costa € 3108,8Con un prezzo teorizzato dopo aumento capitale del 27 gennaio di € 2,30 avremmo una perdita in portafoglio
    di (5,962 – 2,30) * 2400 = – € 8.788,8   (- 61% )
  • se NON esercitiamo il diritto di opzione
    sono in possesso di 800 azioni prezzo medio € 14 (tot. € 11.200)
    Con un prezzo teorizzato dopo aumento capitale del 27 gennaio di € 2,30 avremmo una perdita in portafoglio
    di (14 – 2,30) * 800 = – € 9.360  (- 83,5% )

VANTAGGI nel esercitare opzione

– prezzo di acquisto mediato al ribasso, il prezzo tra un paio di anni tenderà a salire rispetto a valori odierni
– 2400 azioni daranno diritto a dividendi maggiori rispetto a soli 800 azioni (a partire dal 2013)

VANTAGGI nel NON esercitare opzione

– non aumento il rischio investimento di ulteriori  € 3108,8
– posso vendere le opzioni in mio possesso

Il mio consiglio è che a questo punto convenga esercitare le opzioni.
Del resto non dobbiamo parlare di convenienza ma di scelta obbligata.
Il titolo è sottovalutato, quindi credo che nel tempo (almeno un paio di anni) il prezzo tenderà a  recuperare valore.
Inoltre la scelta è obbligata tanto più se si ha un prezzo medio di acquisto superiore all’esempio ipotizzato (€ 14).

In fine, possiamo vedere come investendo € 3108,8 avremmo un immediato ritorno del 18,4% dato dalla differenza nelle  perdite tra chi esercita  (- € 8.788,8) e chi non esercita ( – € 9.360), una minor perdita di € 571,2
571,2 / 3108,8 = 18,4%  ritorno immediato sul capitale investito per esercitare  le opzioni.

P.S.
Gli esempi riportati sono solo indicativi e potrei aver sbagliato alcuni calcoli.
Spero possa aiutarvi nella decisione, se possessori di azioni Unicredit, ma la scelta deve essere sempre e solo vostra.
Avevo dimenticato di citare la possibilità di vendere le proprie opzioni.
Grazie al commento di Fabio, aggiungo questo piccolo dettagli.
C’è la possibilità per tutti gli azionisti di vendere le proprie opzioni.
Per maggiori dettagli sul come vendere le proprie opzioni o esercitarle aspettiamo il 9 gennaio, sarà compito della vostra banca fornire le dovute informazioni.
Certo di questi tempi è un bel rischio esercitare le opzioni, ma nel lungo termine è un interessante prospettiva.

e-mail info.investire@libero.it

——————————————————————————————————————–
I contenuti di questo blog non costituiscono sollecitazione all’investimento ne indicazioni di investimento, ed hanno esclusivamente scopo informativo;

Vorresti essere aggiornato sulla pubblicazione di nuovi articoli, CLICCA QUI
——————————————————————————————————————–

 
25 commenti

Pubblicato da su 4 gennaio 2012 in L'investitore Intelligente

 

Tag: , , , , , , , ,

25 risposte a “Unicredit: vantaggi e svantaggi esercizio opzione

  1. Fabio

    4 gennaio 2012 at 10:33 pm

    Complimenti! Molto chiari gli esempi, soprattutto per nuovi piccoli investitori come me che non hanno mai avuto modo di “vivere” un aumento di capitale.
    Però nei vantaggi del NON esercitare l’opzione non viene menzionata la possibilità di vendere (subito) il proprio diritto. Come funzionerebbe in questo caso? E cosa ne ricaverebbe l’ipotetico azionista menzionato nell’esempio?
    Grazie.

     
  2. Gian Paolo

    5 gennaio 2012 at 12:27 pm

    Ti ringrazio perchè hai messo a disposizione una analisi vera e accurata delle possibilità.

     
  3. antonio

    5 gennaio 2012 at 4:45 pm

    Grazie Fabio della segnalazione.
    Ho tralasciato, in effetti, di citare la possibilità di vendere le proprie opzioni.
    Per maggiori dettagli sul come vendere e a che prezzo dobbiamo aspettare il 9 gennaio.
    Resto molto pessimista su questa ipotesi, non credo ci sia molto da portare a casa.
    Il prezzo del opzione, se decidiamo di vendere, sarà dato dal prezzo di mercato dopo l’aumento del capitale sottratto prezzo di esercizio dell’opzione. (€ 2,30 – € 1,943) * 1600 (numero delle opzioni).
    Certo di questi tempi è un bel rischio esercitare le opzioni, ma in prospettiva nel lungo termine è un interessante prospettiva.

     
  4. Giovanni

    6 gennaio 2012 at 2:03 pm

    Ottimo commento! Finalmente qualcuno spiega in maniera comprensibile cosa voglia dire esercitare o meno il diritto d’opzione su questo aumento di capiate.

    Mi e’ rimasto tuttavia un dubbio: se decido di vendere l’opzione, il prezzo dipende dal valore dell’azione nel momento in cui vendo o dal valore dell’azione il 27 Gennaio?

    Magari ho fatto una domanda sciocca ma non sono esperto di questo tipo di operazioni.

    Grazie.

     
  5. roby piccol63

    6 gennaio 2012 at 2:04 pm

    Vorrei commentare non la bravura di chi ha scritto quest,articolo, ma la bastardata di chi ci stà manovrando, mi rivolgo ai politici che non servono ad un cazzo, andate a pulire i cessi che fate qualcosa di utile per per (l’igiene ) la pulizia corruttiva e schifosa che regna dentro le vostre teste di cazzo.
    Come fà una brava persona come me e tante altre a restare indifferente di fronte alla catastrofe che quattro politici del c…. ci stanno portando a vivere solo per interessi di parte. BBBBBBBBBBBasta andate via

     
  6. antonio

    6 gennaio 2012 at 7:11 pm

    Ciao Giovanni,
    se decidi di vendere l’opzione, il prezzo dovrebbe dipendere come norma, dal prezzo dopo l’aumento di capitale.
    Nella mia ipotesi il prezzo di riferimento è € 2,30. A questo dobbiamo sottrarre € 1,943, (il prezzo se esercito l’opzione) è otteniamo € 0,357 per ogni opzione.

     
    • Giovanni

      6 gennaio 2012 at 9:51 pm

      Grazie Antonio.

      Non vorrei abusare della tua cortesia ma mi rimane un’altra curiosità’.

      Chi ha diritto alle due opzioni per azione posseduta? Solo chi era in possesso di azioni Unicredit alla data in cui e’ stato deliberato l’aumento di capitale e fissato il prezzo dell’opzione stessa? O anche chi le ha acquistate in questi ultimi giorni?

      Ciao

       
      • antonio

        6 gennaio 2012 at 10:11 pm

        Ne ha diritto chi ha acquistato azioni entro oggi

         
  7. ale

    6 gennaio 2012 at 7:42 pm

    Analisi esatta e soprattutto espressa in lingua e non in banchese 😉
    Per quanto riguarda il prezzo dell’opzione a partire dal 9 Gennaio, spieghiamo agli amici che il prezzo varierà da quella data sino all’ultimo giorno utile per esercitare le opzioni stesse, in quanto quotate.
    A questo punto quindi bisogna chiedersi “il prezzo delle stesse salirà o meno?” Questo dipenderà dalla risposta del mercato all’aumento di capitale. Bisogna sottolineare che all’operazione posso partecipare anche coloro che al momento non sono possessori di opzioni, basta acquistare i diritti di opzione sul mercato e poi rispondere all’aumento nello stesso momento, rivolgendosi alla propria banca.
    Ipotizzando di acquistare i 1600 diritii di cui sopra mettiamo in portafoglio 1600 azioni Unicredit spendendo circa 3.200-3.300€ e se tra un paio di anni come sopra, mercato e finanza permettendo, il titolo tenderà ad esprimere il reale valore della società bhe, avremo una bella plusvalenza in portafoglio!!!

     
  8. VAINER

    6 gennaio 2012 at 10:33 pm

    Buonasera
    e un grazie ad Antonio che mi ha fatto capire un po’ meglio questo adc.
    Pero’ non mi e’ chiaro il discorso di Ale, quando dice di acquistare 1600 diritti spendendo 3.200 €???? Un diritto non da’ l’acquisto di 2 azioni??? E ipotizzando che l’azione costi anche 2 €, con 1600 diritti x 2azioni x 2 € non fa’ 1600×4= 6400€?
    Magari non ho capito bene, ma credo che con 1600 diritti ti devi comprare 3200 azioni.
    Grazie a chi volesse correggermi e delucidarmi sull’argomento ( e’ il mio primo caso di adc)

     
  9. davide

    6 gennaio 2012 at 11:52 pm

    senza entrare ancora nel merito degli imprti oggetto dell’aumento io quando spiego un qualsiasi aumento ai miei clienti dico : crede nella crescita del titolo o no ? perche’ durante l’aumento vendere i diritti o ipotizzare di aderire all’aumento di capitale nello stesso istante e ipotizzare di vendere al prezzo che in quel momento batte ….e’ la stessa identica cosa….dipende poi solo dal fattore crescita futura . pertanto se ad es faccio il calcolo alle ore 15 di qualsiasi gg sara’ lo stesso prezzo ( non so’ se mi sono spiegato ).
    pero’ attenzione…siete troppo ottimisti sui 2 anni ….insegnano gli aumenti unicredit del passato , pop novara etc etc …tutti un bagno di sangue
    ciao

     
  10. mariagrazia

    7 gennaio 2012 at 12:14 pm

    Buongiorno,
    cosa ne pensate di questa ulteriore strategia, cioè vendere le azioni più metà diritti ed esercitare la restante opzione acquistando pari numero originario di azioni in modo da ridurre la perdita pur restando nella stessa situazione azionaria di partenza ?

    Io ho 405 azioni ad un prezzo di carico di 17 euro.

    Mi sembra sensato ma forse c’è qualche ingenuità ?

     
  11. danielinux

    8 gennaio 2012 at 9:53 pm

    salve a tutti. grazie per questo articolo.. spiegato con semplicità e efficienza.. ma come si spiega che il titolo unicredit è stato proprio oggi di domenica diviso in un altro titolo unicredit axa???? in portfolio ci troviamo non piu soltanto unicredit al prezzo medio di carico dovuto all’acquisto passato, ma l’aggiunta di questa caxxo di unicredit axa,e l’abbassamento del prezzo m.d.c causato dalla suddivisione del titolo. questa manovra mi sa tanto di truffa…ma siccome abbiamo un governo di bancari e corrotti, non penso ke nessuno faccia niente per i piccoli investitori..

     
  12. antonio

    8 gennaio 2012 at 10:37 pm

    UNICREDIT AXA 20GE12 (UCGAA) è l’opzione che da domani sarà negoziabile.
    Se fai la somma del prezzo UNICREDIT AXA 20GE12 (UCGAA) € 1,3590 + UNICREDIT (UCG) € 2,6220 ottieni € 3,981 altro non è che il prezzo di chiusura di venerdi.

     
  13. ANTONIO

    9 gennaio 2012 at 12:48 am

    Ti ringrazio tantissimo per come sai utilizzare un linguaggio comprensibile soprattutto alle persone inesperte come me in fatto di adc.
    Mi inserisco anch’io per avere un consiglio su come mi devo comportare.
    Ho acquistato a settembre 2011, 35000 az. unicredit a euro 1,35 con l’intento di fare trading sfruttando le oscillazioni di mercato.Operazione abbastanza ben riuscita da un paio di anni ad oggi, in particolare con il titolo Telecom. Ora dopo l’accorpamento mi ritrovo con 3500 az. che quotano sotto i 4 euro ( con un prezzo all’acquisto che e’ diventato di euro 13,5 x az.)
    Quale consiglio ti senti di darmi in merito a questa operazione? Sono in possesso della somma necessaria x partecipare all’opzione ( circa 15000 euro, anche se sarebbe pesante) ma veramente non so’ come agire. Inoltre, il tempo limite e’ il 20 gennaio x qualsiasi scelta?

    Grazie

     
  14. danielinux

    9 gennaio 2012 at 12:48 am

    quindi diventa come un titolo a parte.. cioè per esercitare il diritto opzione devi comprare unicredit axa 20.. bah

     
  15. antonio

    9 gennaio 2012 at 9:15 pm

    E’ un “titolo a parte” che ti offre la possibilità di vendere o esercitare l’opzione.
    Se vendi, lo fai al prezzo di mercato.
    Se sei azionista Unicredit per esercitare il diritto delle opzioni NON devi comprare UNICREDIT AXA 20GE12 , chiedi dettagli alla tua banca.
    UNICREDIT AXA 20GE12 (UCGAA), dovresti già averle ricevute nel tuo portafoglio.

    Chi invece non è azionista può acquistare UNICREDIT AXA 20GE12 (UCGAA) e ottiene il diritto di esercitare l’opzione pagando in seguito il prezzo delle nuove azioni che saranno emesse (€ 1,943 per azione)

     
  16. antonio

    9 gennaio 2012 at 9:21 pm

    Ciao Antonio,
    come ho già scritto, esercitate le vostre opzioni se credete che il titolo è sottovalutato e la società sana e alla lunga possa venir fuori meglio di prima. Vendete le vostre opzioni o anche azioni se ritenete che il titolo non è sottovalutato e la società è a rischio.
    Non fatevi prendere dal panico guardando le oscillazioni del mercato. Prendete a mercati chiusi la vostra decisione e portatela a termine fino all’ultimo.

     
  17. danielinux

    10 gennaio 2012 at 7:46 pm

    ciao antonio.grazie per le risposte. .. io sono azionista unicredit.. o meglio borseggio in unicredit con 5000 euro di capitale. ho molte piu azioni in altri titoli non bancari che secondo me soffrono meno delle oscillazioni. cmq è la prima volta che mii trovo a dover capire come funziona questo diritto opzione tutte le volte che una società fa l’aumento di capitale… ok mi trovo in portafoglio un titolo in piu che sarebbe proprio questa unicredit axa.. io non voglio vendere i diritti opzione ma aquistarli.. se vado su operazioni societarie non mi sembra ke me li facciano acquistare ma solo venderli.. quindi come esercitare il diritto opzione sull’acquisto??thk’s

     
  18. antonio

    10 gennaio 2012 at 9:57 pm

    Per acquistare opzioni cerca il titolo UCGAA, funziona come al semplice titolo UCG.
    Se desideri richiedere l’esercizio dei diritti, termine ultimo per l’adesione è il 27 gennaio alle ore 12.
    Non saranno effettuate vendite automatiche (delle opzioni) nell’ultimo giorno di trattazione.
    In mancanza di istruzioni da parte del cliente nei termini previsti, il diritto sara’ scaricato dalle posizioni in quanto privo di valore.

     
  19. danielinux

    13 gennaio 2012 at 12:50 pm

    ok.. ma la convenienza dell’acquisto è sempre la stessa o cambia da giorno a giorno?ad esempio al salire del valore di axa, salirà anche il guadagno a comprare le azioni con il diritto oppure viceversa?cioè non capisco se conviene comprare ora oppure aspettare più avanti… grazie mille..

     
  20. danielinux

    13 gennaio 2012 at 12:56 pm

    scusa un ultima domanda… se non faccio alcuna operazione, ovvero nè acquisto nè vendo i diritti opzione, le azioni che mi hanno scorporato da unicredit e me l’hanno messe in axa, alla fine dei resoconti ritornano al loro posto oppure sono persi??

     
  21. antonio

    13 gennaio 2012 at 1:11 pm

    .. ma la convenienza dell’acquisto è sempre la stessa o cambia da giorno a giorno?

    Confronta il prezzo di borsa del titolo Unicredit con il prezzo di sottoscrizione più metà valore del opzione può far capire se conviene al momento esercitare o meno l’opzione.
    Esempio:
    Valore di borsa UCG € 2,576
    Prezzo sottoscrizione € 1,943 + più metà valore del opzione (1,16/2) = € 2,523
    In questo caso conviene l’esercizio, un utile del 2,05%
    Ma tutto può cambiare al cambiare dei prezzi.

    … se non faccio alcuna operazione, ovvero nè acquisto nè vendo i diritti opzione, le azioni che mi hanno scorporato da unicredit e me l’hanno messe in axa, alla fine dei resoconti ritornano al loro posto oppure sono persi??

    Se non fai nulla, perdi tutto.
    Hai due scelte o aderire all’esercizio delle opzioni o vendere le tue opzioni.

     
  22. danielinux

    13 gennaio 2012 at 1:28 pm

    infatti immaginavo ke perdevo tutto axa.. ti ringrazio.. il problema è proprio capire il momento giusto per esercitare i diritti… una scelta obbligata porca m… ok ok nervi saldi… 🙂 ho fatto i conti grazie a te… io vorrei acquistare i diritti per abbassare il prezzo medio di carico,, adesso ho l’idee più chiare… ma quel valore 1,16 cosa sarebbe? axa ha il valore al momento di 1.99 mentre unicredit vale 3.026…

     
  23. danielinux

    13 gennaio 2012 at 1:36 pm

    ahhh ok capito… è il valore di axa.. solo che hai fatto l’esempio come se valesse 1.16.. perfetto ti ringrazio molto ..

     

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: