RSS

Dividend yield e rendimenti azionari

05 Ott

I dividendi hanno un importanza non secondaria nella scelta delle azioni. Diverse ricerche effettuate nel corso degli anni confermano una relazione tra dividend yields e i successivi rendimenti azionari. Da una analisi storica dello S&P 500 Index si evince che una selezione di titoli con dividend yields tra i più alti porta rendimenti totali più elevati nel corso dell’anno solare.
Una ricerca ha dimostrato che investendo 1000 dollari in un fondo sull’indice S&P 500 alla fine degli anni ’50 avrebbe reso 176 mila dollari nel 2006. La stessa somma investita in società con dividend yields tra i più alti avrebbe reso 675 mila dollari, il 3% annuo in più.

Ma cos’è il dividend yields?
Il dividend yields è il rapporto tra dividendo e prezzo.
Se prendiamo Eni, ( dividendo annuo ) € 1,02 / € 13 (ultimo prezzo) = 0,0784 = 7,84%

Quali sono i vantaggi nell’investire in società con elevati dividend yields?
Il primo è di sicuro l’aspetto difensivo dell’investimento.
Altro fattore da non sottovalutare, spesso ad alti dividend yields corrispondono bassi prezzi di mercato, quindi oltre ad un buon dividendo potremmo aspettarci nel tempo un incremento del valore del titolo.

Alcune avvertenze sono doverose nel selezionari i titoli con alto dividend yields:


– Evitare società con P/E superiori a 15
(P/E  cioè prezzo/utile inferiore a 15 ci permette di acquistare titoli a prezzi non troppo elevati)

– Evitare società con EPS negativo
(EPS cioè utile per azione negativo renderebbe il dividendo poco sostenibile e sicuro)

– Selezionare società con un payout ratio inferiori a 75
(payout ratio cioè percentuale dell’utile che va in dividendo non deve superare 75% altrimenti quasi tutto l’utile va in dividendo e la società non fa buona gestione)

– Selezionare società con dividend yield superiore al tasso dei titoli di stato a lungo termine e come minimo 3%
(3% è un rendimento minimo per proteggersi dall’inflazione)

– Non dimenticare mai di selezionare sempre società sane, con pochi debiti e liquidità sufficente

In conclusione, l’investitore attratto da alti tassi di dividendo deve considerare un insieme di fattori che vanno oltre il solo dividendo.

e-mail info.investire@libero.it

——————————————————————————————————————–
I contenuti di questo blog non costituiscono sollecitazione all’investimento ne indicazioni di investimento, ed hanno esclusivamente scopo informativo;

Vorresti essere aggiornato sulla pubblicazione di nuovi articoli, CLICCA QUI
——————————————————————————————————————–

Annunci
 
3 commenti

Pubblicato da su 5 ottobre 2011 in L'investitore Intelligente

 

Tag: , , , , , , , , , , , , , , ,

3 risposte a “Dividend yield e rendimenti azionari

  1. Gian Paolo Bisi

    5 ottobre 2011 at 9:40 pm

    Estemamente interessante la tabella aggiornatissima dei D/Y con tutte le viste sui siti finanziari di quotazione.
    Complimenti.

     
  2. Alessandro Ferretti

    2 novembre 2011 at 8:57 pm

    e’ da un po’ che i dividendi godono di grande popolarita’ tra la comunita’ degli investitori, professionali e non. Il numero crescente di ETF basati su titoli high-dividend-yielding e lo sviluppo di prodotti derivati su dividendi attesi ne sono una conferma.

    Non tutto e’ oro cio’ che luccica pero’. Nell’articolo si e’ fatto notare che un dividend yield alto puo’ essere dovuto ad un prezzo del titolo basso. Questo puo’ essere un’opportunita’, come viene fatto notare sopra, ma potrebbe anche rappresentare un rischio, specialmente nel mercato attuale. Il redimento del dividendo potrebbe essere quindi cancellato dal capital loss sul prezzo del titolo.

    Da notare poi che le utilities, tipicamente difensive e fonte di ottimi yield anche durante la grande crisi del 2008/09, non riescano piu’ a garantire i livelli passati a causa di un rischio politico, in Italia (Robin Hood tax) come in Germania (tassa sul nucleare).

     
  3. Luca

    4 novembre 2011 at 1:22 am

    Sono fondamentalmente d’accordo con l’articolo anche se poi le regole rigide non vanno mai bene. Sui giornali però si eccede con la disinformazione quando si affermano cose tipo Enel rende l’8%, facendo credere all’ignaro risparmiatore che sia un rendimento sicuro come quello di un obbligazione

     

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: