RSS
Galleria

Comprare 1 euro con 50 centesimi

23 Ago

Immaginiamo di avere la possibilità di acquistare un ottimo business a 600 milioni di euro, un azienda ben avviata con 300 milioni di debiti ma liquidità e titoli in cassa per 1,4 miliardi.
Facciamo due conti e subito capiamo di avere in tasca già 500 milioni di guadagno (1,4 miliardi – 600 milioni – 300 milioni).

E se ho la possibilità di acquistare il business a 500 milioni invece di 600, credete sia più rischioso o più conveniente?
La risposta è scontata, molto più conveniete grazie ai 100 milioni in meno pagati.

Business come questi se ne trovano molti questi giorni e possiamo acquistarli anche noi poveri mortali senza avere a disposizione 600 milioni di euro.

DANIELI & C. è il business che ho preso ad esempio, quotato alla Borsa di Milano a €15 per una capitalizzazione totale appunto di 600 milioni.
Il titolo ha perso in un anno il 30% del suo valore di borsa, questo dovrebbe renderlo più interessante perchè ci permette di comprare per 600 milioni ciò che un anno fa era quotato 900 milioni.
Adesso che sappiamo trattasi di una società quotata in borsa, se ho la possibilità di acquistare il business a 500 milioni invece di 600 (vale a dire a €12,5 ad azione invece di €15), credete sia più rischioso o più conveniente?
Sicuramente più conveniente e al contrario di quello che si crede il rischio è notevolmente inferiore se il prezzo crolla.

Come per Danieli, oggi possiamo trovare in borsa quotazioni di mercato nettamente inferiori al valore reale del business. E come sempre, se puntiamo su aziende solide e con pochi o senza debiti nei prossimi anni avremo risultati eccellenti.

Alcuni di questi titoli sono riportati in un ottimo articolo del Corriere della sera
Generali, ha una capitalizzazione di poco sopra i 18 miliardi. Con asset investiti che equivalgono più o meno a un terzo del Pil italiano, non quota nemmeno come gli immobili, in portafoglio per 25 miliardi.
Mediobanca capitalizza 5,4 miliardi, metà della raccolta della controllata Chebanca
Eni capitalizza ormai poco più di 50 miliardi mentre le sue riserve di petrolio ne valgono circa 300.

Ecco perchè comprare 1 euro con 50 centesimi è possibile, i mercati in questo periodo offrono un grande opportunità per farlo.

Ho già parlato del mio libro preferito “The intelligent investor” scritto da B.Graham

Il libro spiega benissimo nei capitoli 8 e 20 tre concetti fondamentali:

– Guardare alle azioni come parti di business, non come numeri che vanno su e giù. Valutare le aziende e confrontare il valore reale con quello di borsa e solo se l’azienda è un buon business sano e sottovalutato in borsa rispetto al valore reale almeno del 30-40% comprare. Anche se si possiedono azioni è un pezzo di business che abbiamo in mano.

– La follia del mercato è un opportunità e non un disastro. Nel libro si usa la metafora di Mr Market, un uomo depresso che ogni giorno si sveglia e decide a che prezzo quel giorno acquistare o vendere il proprio business, non siamo obbligati ad acquistare se per noi non è un affare ne tanto meno vendere. Il mercato è lì per servirci e non per guidarci.

– Il margine di sicurezza è il terzo concetto fondamentale.
Se acquisto un business devo farlo scontando un margine di sicurezza sul valore che ritengo quello reale. Quando compri un business ( o azione) e pensi valga €10 non la paghi €9,90 perchè potresti non essere così preciso nella stima del valore. Il margine di sicurezza è una garanzia sull’incertezza del futuro  e sulla precisione della stima, così se compre per € 5 avrò un margine di sicurezza tale da annullare eventuali imprecisioni.

e-mail info.investire@libero.it

——————————————————————————————————————–
I contenuti di questo blog non costituiscono sollecitazione all’investimento ne indicazioni di investimento, ed hanno esclusivamente scopo informativo;

Vorresti essere aggiornato sulla pubblicazione di nuovi articoli, CLICCA QUI
——————————————————————————————————————–

Annunci
 
3 commenti

Pubblicato da su 23 agosto 2011 in L'investitore Intelligente

 

Tag: , , , , , , , , , , , , , ,

3 risposte a “Comprare 1 euro con 50 centesimi

  1. Alaine

    24 agosto 2011 at 11:19 am

    Danieli e’ uno delle piu’ belle e floride realta’ del mio Friuli e condivido l’analisi fatta. Il problema si pone in questo periodo su business piu’ aleatori ed in particolare le banche. Come calcolare un valore di mercato di una banca??? ci sono variabili esterne che non si possono quantificare (esposizione ai titoli di stato Italiani…recessione con relative perdite su crediti…recessione=sfiducia=aumento costo della raccolta…).
    Non riuscendo a semplificare l’analisi come sopra per Danieli ho preferito impostare un piano di acquisto in 3 tranches su Intesa a 1,55 (fatto) poi 1 e spero mai 0,50 sempre per 1/3 del capitale dedicato mentre per Unicredit in 2 tranches a 1,10 (fatto) e 0,70. Mi sono basato solo sulla redditivita’ (p/e) e sul valore di libro e sono stato un po’ confortato dalle trimestrali e semestrali. Credi che abbia compiuto un azzardo? Per chiarezza ogni singolo intervento rappresenta il 2,5% del mio capitale che attualmente e’ arrivato ad una esposizione all’azionario del 40% con una perdita media di circa il 14,85 pct (sull’azionario non sul portafoglio). Penso che se la discesa continua arrivero’ al 50 o anche 60 pct di azionario in quanto previste anche eni a 11 (prima tr. a 15,7) , enel a 3 (prima tr. a 3,55), atlantia a 10 primo acquisto (sempre 2,5 pct a intervento). Spero che anche questa volta Fred Schwed abbia ragione 🙂

     
    • antonio

      24 agosto 2011 at 7:35 pm

      Valutare una banca è differente rispetto ad ogni altro tipo di business.
      Ci sono diversi tipi di banche, generalizzando le banche prestano soldi che noi depositiamo quindi come primo dettaglio è importante capire se il management prende buone decisioni minimizzando i rischi. Un buon indicatore è il livello storico di insolvenze dei crediti che dovrebbe restare tra 1% e 2%
      Altro aspetto fondamentale è l’Asset della banca. Anche per l’Asset si ha una composizione divarsa rispetto ad altri business, certo ci sono anche immobili e beni di prestigio (come quadri) ma gli asset principali sono la capacità di raccolta, i prestiti e i titoli posseduti.
      Ignorare il cash flow meglio analizzare il shareholder equity (patrimonio netto).
      Il ROE (Return on Equity) ha un valore nettamente inferiore per le banche rispetto ad altre attività.
      Un altro fattore citato spesso ultimamente è il Tier 1 , cioè il tasso di capitale di riserva della banca, un tasso superiore al 10% indica una banca spesso conservativa.
      Il rapporto tra prezzo e il book value tangibile (patrimonio netto) è molto importante per le banche, più è basso più il titolo è economico (la media è spesso superiore al 3,5 volte).
      Occhio alle azioni privilegiate e come queste cambiano nel corso degli anni (date un occhiata alle banche americane e a quanto le azioni privilegiate sono aumentane nel corso del 2008), spesso sono debiti.
      Ultimo ma non meno importante è calcolare lo spread cioè la differenza tra il tasso di interesse medio applicato ai creditori e il tasso di interesse medio applicato ai debitori, se offro il 2% a chi deposita denaro e poi presto il denaro raccolto al 20% capiamo bene quanto sia brava la banca a generare utili.
      Le banche possono far soldi in differenti modi, attraverso lo spread o le commissioni o altro. Lo possiamo capire dal conto economico e leggendo il bilancio annuale.

       
  2. Alberto

    16 settembre 2011 at 11:51 am

    A Graham risulta vincente aggiungere anche una valutazione qualitativa della società, basata sui criteri di Fisher.
    “It’s better to buy a wonderful company at fair price that an average at a good price”

     

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: